Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     


CUBA
NuestrA America
ESTERI
SPORT
CULTURA




COMUNICATE
CON I
CINQUE EROI


RIFLESSIONI   FIDEL
- Il dovere d’evitare
una guerra in Corea


Cuba contro
il Blocco

Intriduzione
Capitolo-1 / Capitolo-2
Capitolo-3 / Capitolo-4
Capitolo-3-2 /Capitolo-3-3
Capitolo-3-4



         Capitolo
1 | 2 | 3 |
4 | 5 | 6
7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12
13 | 14 |
15 | 16 | 17
1819 | 20 | 21 | 22

23 | 24 | 25

- PAROLE DI FIDEL 
 

SPECIALI IE GI
-
Conversazioni con
Fidel Castro: I pericoli
di una Guerra Nucleare


• 
Fino alla
   Vittoria Sempre

Sito Web di Ernesto CHE Guevara
di una Guerra Nucleare

A giro di Posta
avuelta@granmai.cip.cu

 

 

E S T E R I

 L'Avana. 13 Novembre 2014

   

Gli USA ammettono nella ONU d’aver praticato la tortura dopo l’11 settembre

 Una foto d’archivio del 15 marzo 2002 mostra un prigioniero del Campo Rayos X, scortato dalle  guardie, mentre altri reclusi sono nelle loro celle nella   Base Navale della Baia di Guantánamo, in Cuba. (Foto AP/Tomas van Houtryve)
Una foto d’archivio del 15 marzo 2002 mostra un prigioniero del Campo Rayos X, scortato dalle  guardie, mentre altri reclusi sono nelle loro celle nella   Base Navale della Baia di Guantánamo, in Cuba. (Foto AP/Tomas van Houtryve)

Gli Stati Uniti hanno ammesso nuovamente di fronte al Comitato contro la Tortura delle Nazioni Unite d’avare torturato i prigionieri negli anni successivi ai fatti dell’11 settembre del 2001.

“Abbiamo superato la linea e ci assumiamo le responsabilità”, ha affermata la consigliera legale Mary McLeod,  parlando al Comitato dell’organizzazione della ONU,  riportando le prole testuali dette dal presidente  Obama nell’agosto scorso.

Il riconoscimento degli abusi ha appena occupato un paio di frasi, dato che la McLeod si è riferita soprattutto all’ orgoglio di Washington e del suo procedere dentro e fuori dalle sue frontiere.

L’ambasciatore presso il Consiglio dei Diritti Umani della ONU,  Keith Harper, ha ridotto i fatti affermando che “nessun paese è perfetto”, e la Mc Leod ha approfittato dell’occasione per lodare l’amore del suo paese,  identificando le violazioni come un caso “per non aver vissuto in accordo con i nostri valori”.

Queste frasi della funzionaria  McLeod formano parte di una testimonianza di due giorni nella sessione di domande, a Ginevra, in Svizzera, fatte a una delegazione di 30 alti funzionari degli USA sulle tecniche, gli interrogatori e le torture applicate  dagli Stati Uniti  a persone accusate dagli stessi USA di terrorismo.

Uno degli investigatori principali, l’italiano Alessio Bruni, ha chiesto alla delegazione di spiegare le violazioni, includendo le prigioni segrete della CIA, la brutalità dei metodi usata e le condizioni dei prigionieri nella prigione situata nel territorio cubano occupato di Guantánamo.

Inoltre, ha informato l’agenzia di stampa Associated Press, Bruni ha reclamato dai funzionari che enumerassero le misure che eventualmente avevano utilizzato in applicazione delle dichiarazioni contro la tortura del presidente statunitense e perchè la prigione di Guantánamo dove sono recluse persone senza accuse nè processi, è ancora aperta.

Il Comitato ha ripreso gli statunitensi per l’abbandono senza compenso delle vittime di abusi commessi dai militari statunitensi  nel carcere iracheno di Abu Ghraib, dopo l’invasione del paese arabo nel 2003, fatta da una coalizione di paesi, guidati da Washington.

Quando assunse l’incarico presidenziale nel 2009, Barack Obama aveva vietato certe tecniche d’interrogatorio, ma senza ordinare che questa proibizione si applicasse anche a Guantánamo o nei numerosi centri clandestini di detenzione della CIA, mantenuti in paesi di tutto il mondo.

L’8 novembre, il colonnello degli USA  David Heath, comandante del carcere di Guantánamo, ha considerato come una  speranza poco

 realista la chiusura della prigione nel periodo che resta  prima della fine del  mandato  del presidente,  anche se Obama si era impegnato a chiudere il carcere sei anni fa durante la campagna elettorale del 2008.

( agenzie / Traduzione GM - Granma Int.)
 

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra Estorino
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir