Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     

N U E S T R A   A M E R I C A

 L'Avana. 27 Giugno 2014

   

L’ALBA ha condannato l’attacco alla sovranità dell’Argentina

I paesi dell’Alleanza Bolivariana per i Popoli delle Americhe (ALBA), hanno condannato giovedì 26, “l’attacco alla sovranità dell’Argentina” cioè la decisione della giustizia statunitense che ha favorito i fondi speculativi, un debito di 1330 milioni di dollari.

Il blocco esprime “il suo appoggio al governo dell’Argentina che ha respinto l’attacco alla sua sovranità dopo aver conosciuto la sentenza della Corte degli Stati Uniti in relazione con i detti “Fondi Avvoltoio”, ha informato un comunicato dell’ALBA emesso a Caracas.

La scorsa settimana, la Suprema Corte degli Statu Uniti ha sentenziato  all’Argentina l’obbligo si pagare  1330  milioni di dollari ai finanziatori con Bonus default, chiamati nel paese sudamericano “avvoltoi” perchè comprarono i debito già in mora e cercarono di avere il 100% del valore nominale più gli interessi nelle corti.

Per l’ALBA, (formata da Venezuela, Cuba, Bolivia, Ecuador, Nicaragua e un gruppo di isole di lingua inglese dei Caraibi), questi fondi speculativi “sono un pericolo  latente e reale per tutti i paesi del mondo” perchè rappresentano un attacco alle economie nazionali,  bloccano questi negoziati e impediscono che i paesi possano proteggere i loro diritti in conformità con le loro legislazioni. 

Conosciute le decisioni dei giudici degli USA, i governi di Bolivia, Ecuador, Cuba e Uruguay hanno espresso illoro appoggio all’Argentina così come hanno fatto altri blocchi  regionali come il Mercosur e l’Unione delle Nazioni del Sudamerica, Unasur. (AFP / Traduzione GM- Granma Int.)
 

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu
 

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir