Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     


CUBA
NuestrA America
ESTERI
SPORT
CULTURA

 

SUPPLEMENTOS

Gabriel García Márquez


“Ci sei o non ci sei?”

Un prologo che è un
nuovo capitolo...


L'America Latina
e i Caraibi hanno unito le voci a L'Avana

 



COMUNICATE
CON I
CINQUE EROI


RIFLESSIONI   FIDEL
- Il dovere d’evitare
una guerra in Corea


Cuba contro
il Blocco

Intriduzione
Capitolo-1 / Capitolo-2
Capitolo-3 / Capitolo-4
Capitolo-3-2 /Capitolo-3-3
Capitolo-3-4



         Capitolo
1 | 2 | 3 |
4 | 5 | 6
7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12
13 | 14 |
15 | 16 | 17
1819 | 20 | 21 | 22

23 | 24 | 25

- PAROLE DI FIDEL 
 

SPECIALI IE GI
-
Conversazioni con
Fidel Castro: I pericoli
di una Guerra Nucleare


• 
Fino alla
   Vittoria Sempre

Sito Web di Ernesto CHE Guevara
di una Guerra Nucleare

A giro di Posta
avuelta@granmai.cip.cu

 

 

S U P P L E M E N T O  s p e c i a l e   j u l i o   2 0 1 4

   

ASSEMBLEA NAZIONALE DEL POTERE POPOLARE

ASSEMBLEA NAZIONALE DEL POTERE POPOLARE

Il futuro del paese è nel talento dei cubani

Susana Lee/Amaya Saborit Alfonso/ Onaisys Fonticoba / Diana Ferreiro / Lisandra Fariñas Acosta / Lorena Sánchez/ Karina Marrón González/Ramadán Arcos

I Centri di ricreazione nel mirino

 • In accordo che la ricreazione è un concetto ampio, condizionato anche alle necessità e agli interessi individuali di ogni persona, i deputati della Commissione di Attenzione alla Gioventù, l’Infanzia e per l’uguaglianza dei Diritti della Donna, hanno analizzato i risultati delle visite fiscali realizzate in 24 centri ricreativi in sette province del paese.

Tra i principali problemi incontrati ci sono la mancanza di differenza nelle proposte ricreative per giovani e adolescenti, dalle programmazioni musicali alla varietà delle offerte gastronomiche, includendo anche i prezzi delle stesse. Questa continua ad essere una delle maggiori limitazioni per i giovani che vorrebbero accedere a questi centri.

È stato constatato inoltre che esistono sufficienti infrastrutture, ma non un disegno di come porle in funzione dei giovani.

La giovane deputata di Matanzas, Jennifer Bello Martínez, ha segnalato che attualmente la maggioranza delle migliori offerte si concentra solo nelle città capoluogo, in centri dove non sempre pèro s’incontrano buon gusto ed estetica. 

“È necessario coniugare quello che vuole un giovane con quello che possiamo proporre”, ha detto.

Un altro punto discusso è stato il fatto che i centri notturni, nella maggioranza dei territori non  presentano una programmazione destinata in particolare agli adolescenti, che ugualmente consumano quella che comunque si presenta,  ha detto Liaena Hernández, della provincia di Guantánamo, “ma siamo noi i responsabili di aver creato alternative”, ha concluso. 

Un punto importante in questo settore ha riguardato i promotori culturali e tutte quelle persone incaricate d’organizzare e pianificare i programmi di ricreazione e cultura in ogni municipio. La  deputata di Holgúin, Milagros Rodríguez Peña, ha detto che: “ È necessario verificare se le persone che si occupano di queste funzioni in realtà hanno le capacità e le conoscenze per gestire offerte attraenti in accordo con gli interessi della gente”.

Tra gli altri aspetti, la Commissione d’Attenzione alla Gioventù, l’Infanzia e l’Uguaglianza dei Diritti della Donna, ha dibattuto i prezzi dei centri frequentati dai giovani per ricreazione, ed hanno sostenuto che non si può pensare all’entrate al disopra di un sano divertimento.

La relazione sulle visite ai centri ricreativi di varie province, ha rivelato che secondo i giovani le offerte sono molto povere e si rinforzano solo nell’estate. I deputati hanno coinciso che è necessario cercare nei territorio meccanismi per incentivare i talenti artistici delle comunità e i movimenti degli artisti dilettanti delle Università, così come eseguire diagnosi per riconoscere gli interessi della popolazione in questo senso, e poi lavorare per coprire queste necessità.

Per una giustizia penale più efficace

La ricerca di una giustizia penale più efficiente e della sostenibilità nella qualità dei processi come vie per realizzare un avvicinamento maggiore alla popolazione in queste materie, è stato segnalato da Homero Acosta,segretario del Consiglio di Stato, nella Commissione dei Temi Costituzionali e Giuridici.

I membri di questo gruppo di lavoro hanno ricevuto dettagliate informazioni sullo stato delle formalità dei processi penali e dell’ implementazione del Decreto Legge N.º 310 del 2013, che ha modificato il Codice Penale e della Legge di Procedimento Penale e il Decreto 313 dello stesso anno, riferito al deposito, conservazione e disposizione dei beni mobili che si sequestrano nei processi penali e alle confische amministrative.

Hanno offerto precise esposizioni e commenti Rubén Remigio Ferro, presidente del Tribunale Supremo Popolare e Oscar Silvera Martínez, vice presidente; il generale di Brigata Darío Delgado Cura, procuratore generale della Repubblica, Rafael Pino Bécquer, vice procuratore  generale e Alina Montesino Li, procuratrice  a capo della Direzione dei Processi Penali; il generale di Brigata Adalberto Rabeiro García, a capo della Direzione Generale delle Investigazioni Criminali e delle Operazioni del MININT. i deputati e gli invitati hanno quindi ricevuto informazioni sul comportamento delle attività giudiziarie a partire dall’implementazione del Decreto Legge 310.

Inoltre è stato riferito lo stato delle pratiche in studio, nel quale si apprezzano dei passi avanti e i risultati dei sequestri, la conservazione e destinazione degli oggetti confiscati, tema che, è stato riconosciuto e migliorato, ma non è stato risolto.

Le nuove forme di gestione e i nuovi modi di pensare

Il funzionamento delle cooperative non agricole marcia con buoni risultati, anche se con limitazioni associate soprattutto alle relazioni con le entità statali.

Lo hanno riconosciuto i deputati della Commissione d’Attenzione ai Servizi, in un dibattito sulle azioni di controllo realizzate nel primo semestre dell’anno a queste forme di gestione non statale in 65 municipi del paese.

Tra gli aspetti che ostacolano lo sviluppo sperimentale  delle cooperative non agricole, sono state segnate le relazioni economico- finanziarie e dei contratti tra queste e le entità dello Stato, lo stabilimento di esigenze non previste nelle norme giuridiche e le limitazioni per accedere all’acquisto di oggetti nella rete all’ingrosso.

La prima vice ministra del Commercio Interno, Odalys Escandel, ha commentato a questo proposito che ci sono state irregolarità nella prestazione di servizi alle cooperative, commesse da 11 entità di commercio all’ingrosso  che esistono nel paese, e che questo si eviterà – si prevede – con la normalizzazione, per il 2015, di vari strumenti che si metteranno a disposizione.

L’esperienza delle cooperative non  agricole è stata valutata anche dal  vice ministro del Trasporto, Eduardo Rodríguez, che ha sottolineato il loro saldo positivo ed ha spiegato  che le deficienze sono state identificate in particolare nella mancanza di spirito collettivo e nella poca attenzione di alcune imprese alle nuove forme di gestione.

Sino ad oggi sono operative 11 cooperative in questo settore, cinque che si dedicano al trasporto dei passeggeri e il resto ad attività ausiliari. Inoltre su stanno analizzando altre 45 proposte. 

Altre considerazioni sono state offerte dal Ministro del Turismo (MINTUR), Manuel Marrero, che ha segnalato che sono stati apprezzati risultati superiori nei collettivi delle cooperative non agricole che precedentemente  funzionavano in forma statale. “L’esperienza ha dimostrato che sono indispensabili la  creatività, il controllo e l’esigenza da parte dei capi, così come il senso di appartenenza” ha detto.

“Le alleanze con il settore non statale, ha spiegato Marrero, includendo i lavoratori autonomi, sono molto positive perchè le imprese possono accedere a servizi che non hanno nei loro organici, possono risparmiare risorse e si vedono “forzate” a rendere più competitivi i loro prodotti.

Come parte delle analisi, i deputati hanno anche indirizzato la loro attenzione al funzionamento delle entità statali e al successo delle cooperative che può essere considerato come un punto di partenza per esaminare le lacune  e gli errori dei collettivi statali. In senso generale, la Commissione  ha conciso che si devono elevare i livelli d’informazione alla popolazione sul funzionamento delle cooperative non agricole, che si  devono realizzare studi su queste e di deve esercitare un controllo più efficace di questi modelli di gestione.

La Commissione  ha analizzato anche le cause e le condizioni associate alla mancanza di qualità dei servizi, che possono provocare opinioni poco favorevoli nella popolazione.

In accordo con azioni fiscali realizzate dagli stessi deputati, tra gli indici più importanti ci sono i lacunosi processi per i contratti, le insufficienze negli studi di mercato e la deficiente protezione dei diritti del consumatore. 

Le nuove politiche a considerazione dei parlamentari

La politica delle fonti rinnovabili, approvata dal Consiglio dei Ministri nel mese di giugno scorso,  è stata  presentata da Alfredo López, ministro di Energia e Miniere, durante la seconda giornata di dibattiti della Commissione di Industria, Costruzioni ed Energia, con  la presenza del Comandante della Rivoluzione Ramiro Valdés Menéndez, membro del Burò Politico e vicepresidente dei Consigli di Stato e dei Ministri.

Il titolare del ramo ha spiegato che gli obiettivi i fondamentali della politica sono la necessità di diminuire  la dipendenza dai combustibili fossili, considerando che il paese importa il 53% di quello che consuma, e inoltre ridurre l’inquinamento ambientale.

Tra le principali azioni strategiche, Alfredo López ha segnalato la costruzione di stazioni bio-elettriche, utilizzando le canne da zucchero e il marabù,  per un totale di 755 Megawats (MW) installati,mentre con l’energia eolica si vogliono  generare più di 600 Mw. dal nord di Ciego de Ávila a Guantánamo.

Il potenziale fotovoltaico si dovrà estendere in tutto il paese. Inoltre per implementare ogni azione è fondamentale l’appoggio dell’industria nazionale, dei centri scientifici del paese e un ampio sviluppo degli investimenti esteri.

In questo senso Yosvany Acosta, deputato per Cárdenas, ha riferito che: “Se vogliamo cambiare la matrice energetica del paese è necessario utilizzare le risorse di ogni territorio. Pulire la spazzatura che generiamo e trasformarla in energia è fondamentale. Inoltre dobbiamo educare le nuove generazioni con una coscienza del risparmio, ha concluso”.

Un altro tema discusso nella Commissione è stato quello della sottrazione del combustibile. Sul tema Ramsés Montes Calzadilla, direttore dell’Ufficio Nazionale per il Controllo dell’Uso Razionale dell’Energia (ONURE) ha informato che  durante il 2013 e sino all’aprile del 2014 sono state eseguite varie  azioni e tra le più significative ci sono le ispezioni a sorpresa alle entità, l’uso di strumenti per la misurazione delle cisterne dell’acqua e il controllo delle schede poco convincenti.

Su quest’ultima voce, ha detto che nel gennaio del 2013 c’erano nel paese più di settemila schede poco convincenti  per l’alto dato del diesel, mentre nel febbraio del 2014 è stata riportata una considerevole diminuzione.

In questo ha influito l’implementazione di un software grazie al quale con la scheda si blocca dopo la quarta scarica nello stesso giorno; ugualmente non si premette di abilitare per più di 500 litri di benzina una sola scheda. Queste azioni però sono ancora insufficienti, ha segnalato.

Nella sessione del pomeriggio sono stati discussi i risultati del controllo dello svolgimento  della politica di riciclaggio.

Jorge Luis Tamayo Díaz, direttore generale dell’Unione delle Imprese di Recupero delle Materie Prime, ha informato che alla fine di maggio sono state vendute 180.000 tonnellate di rifiuti riciclabili.

Anche se nel  2013 il recupero ha raggiunto cifre storiche, i deputati hanno coinciso che ci sono ancora difficoltà che ostacolano le attività, perchè non si conosce il potenziale reale su cui conta ognuno dei territori.

Inoltre alcune entità non realizzano le consegne pattuite nei contratti e la differenza dei prezzi per l’acquisto delle materie prima tra le imprese statali e i  lavoratori autonomi non è stimolante.

La Corte dei Conti  siamo tutti

Nel suo secondo giorno di lavoro la Commissione di Salute e  Sport del Parlamento cubano, ha inserito nell’agenda il dibattito sull’analisi delle manifestazioni delle indiscipline sociali, le illegalità e la corruzione nei settori della salute, lo sport e i servizi comunali.

La relazione presentata dalla Commissione ha messo in evidenza come principali problematiche il numero insufficiente di contenitori, l’inefficienza nei cicli di raccolta dei rifiuti, l’accumulo delle macerie e la poca cultura del riciclaggio nella popolazione, con la perdita dei valori etici che apporta la mancanza di civismo.

Ugualmente è stato segnalato il maltrattamento delle installazioni sportive, l’ingestione di liquori anche negli avvenimenti o durante incontri sportivi illeciti, con scommesse di denaro e altre manifestazioni di illegalità sociali.

In relazione al settore della salute si notano irregolarità come la vendita di servizi dentistici (denti da implantare e protesi); questi fatti si sono notevolmente ridotti con la diminuzione dei tempi d’attesa per accedere a questi servizi e con la priorità dei gruppi a rischio.

Ileana Flores Izquierdo, Controllora a capo della  Direzione dei Servizi Sociali del Bilancio, ha indicato che sono state identificate nei settori della salute e dello sport, varie cause e condizioni comuni a fatti di corruzione  e che lo scarso controllo interno è il fattore più importante.

Inoltre la funzionaria ha segnalato altri elementi come l’improvvisazione, la mancanza di preparazione, la burocratizzazione degli stili e dei metodi di lavoro, l’apatia e l’indolenza di alcuni funzionari di fronte a fatti di disonestà, ed ha chiamato all’eliminazione dei formalismi.

Flores Izquierdo ha sottolineato che persiste un’economia di mercato parallela e disonesta. Anche se c’è un’apparente calo dei fatti riportati, non si riesce a contenere il fenomeno e il controllo interno non diviene matrice e guida delle entità, alla ricerca di un’amministrazione proba.

La deputata per la provincia di Mayabeque, Marisol Fuentes, ha espresso la sua preoccupazione per la necessità d’incorporare personale preparato nei dipartimenti contabili ed economici delle istituzioni mediche, molte con organici depressi.

Il deputato di questo stesso territorio Rubén Gil Medina, ha coinciso ed ha aggiunto che questi dipartimenti non contano sempre con l’equipaggiamento tecnico necessario.

Teresa Pérez Morales, deputata per la stessa provincia, ha segnalato che i risultati delle verifiche  fiscali non giungono in diverse occasioni alle assemblee locali.

Un tema imprescindibile per la sostenibilità dello sport in Cuba, come la fiscalità e il controllo dello stato dell’industria sportiva e lo sviluppo di questa nelle località, ha occupato l’agenda dei deputati della commissione. 

Nel dibattito è stato segnalato  il fatto che questa industria non è in condizione di garantire la domanda di articoli sportivi cubani.

Il deputato Wily Fernández Alquezabal ha segnalato come principali mancanze il deficit degli implementi nei territori, sia nella scuola che nelle aree sportive; la mancanza di funzionamento, per esempio, della fabbrica di palloni, la morosità nelle disposizione di materie prima per la produzione; l’organico insufficiente, la tecnologia superata, il deterioramento delle strutture e il limite dei finanziamenti.

Fernández Al­quezabal ha parlato del processo di passaggio dell’Impresa di Produzione e Commercio degli Articoli Sportivi al Gruppo delle Imprese dell’Industria leggera a delle prospettive future per la rianimazione di questa industria, in modo che possa  soddisfare le domande di sport partecipativo nel paese e in secondo momento anche lo sport di alto livello.  Inoltre, ha detto, la missione dell’Istituto Nazionale dello Sport, Educazione Fisica e Ricreazione (INDER) dev’essere esigere la qualità dei prodotti  e il rispetto dei contratti di produzione, come principale cliente, e non quella di dirigere l’attività produttiva.

Cristhian Jiménez, presidente del INDER, ha sottolineato come elementi importanti la preparazione  tecnica dei lavoratori, il miglioramento delle condizioni di lavoro e del salario, e una necessaria e strategica attenzione all’industria locale, oggi depressa e tecnologicamente superata.

I deputati hanno coinciso nel riconoscere lo sforzo che hanno realizzato per 49 anni i lavoratori di questa industria per il mantenimento dello sport rivoluzionario.

In un altro momento è stata offerta ai parlamentari una dettagliata informazione sulla preparazione di Cuba per i Giochi Centroamericani e dei Caraibi, Veracruz 2014, dopo  8 anni d’assenza dell’Isola a questo incontro sportivo di fronte ad una forte pressione sovversiva contro lo sport cubano.

Il Messico sarà il principale rivale di Cuba in questi Giochi, hanno informato.

Continua...

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra Estorino
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir