Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     


CUBA
NuestrA America
ESTERI
SPORT
CULTURA

 

SUPPLEMENTOS

Gabriel García Márquez


“Ci sei o non ci sei?”

Un prologo che è un
nuovo capitolo...


L'America Latina
e i Caraibi hanno unito le voci a L'Avana

 



COMUNICATE
CON I
CINQUE EROI


RIFLESSIONI   FIDEL
- Il dovere d’evitare
una guerra in Corea


Cuba contro
il Blocco

Intriduzione
Capitolo-1 / Capitolo-2
Capitolo-3 / Capitolo-4
Capitolo-3-2 /Capitolo-3-3
Capitolo-3-4



         Capitolo
1 | 2 | 3 |
4 | 5 | 6
7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12
13 | 14 |
15 | 16 | 17
1819 | 20 | 21 | 22

23 | 24 | 25

- PAROLE DI FIDEL 
 

SPECIALI IE GI
-
Conversazioni con
Fidel Castro: I pericoli
di una Guerra Nucleare


• 
Fino alla
   Vittoria Sempre

Sito Web di Ernesto CHE Guevara
di una Guerra Nucleare

A giro di Posta
avuelta@granmai.cip.cu

 

 

S U P P L E M E N T O  s p e c i a l e  A G O S T O   2 0 1 4

   

Dogana Generale della Repubblica

Risoluzione  No. 206/2014

PER QUANTO: Il Decreto-Legge No. 162, "De Aduanas", del 3 aprile del 1996, stabilisce nel suo articolo 39 che la determinazione della natura non commerciale di un'importazione, a tutti gli effetti  doganali, corrisponde all'autorità doganale nell'esercizio delle sue funzioni di controllo; nella sua Seconda Disposizione Finale dà facoltà al Capo della Dogana Generale della Repubblica perchè udito il parere degli organi e degli organismi pertinenti, detti le norme complementari necessarie per la migliore esecuzione di quanto disposto in questo corpo legale.

 PER QUANTO: Il Decreto-Legge No. 22, "Imposte della Dogana della Repubblica di Cuba per le Importazioni senza Carattere Commerciale", del 16 aprile del 1979, nel suo articolo 17, inciso b) stabilisce che, senza pregiudizi per la responsabilità penale in cui si potrebbe incorrere, la Dogana  realizza, secondo il procedimento stabilito, il sequestro amministrativo degli articoli o prodotti che si pretende d'importare quando le quantità siano tali che, a giudizio delle autorità doganali, hanno un carattere commerciale.

PER QUANTO: Il risultato dello studio realizzato per l'applicazione della  Risoluzione No. 320, del 5  dicembre del 2011, tale e come fu modificata con la Risoluzione  No. 143, del 13 maggio del 2013, le due dal capo della Dogana Generale della Repubblica, consiglia di modificare le quantità che la Dogana considererà per determinare il limite del carattere commerciale delle importazioni che realizzano le persone naturali, secondo il tipo di articolo o prodotto del caso, quando per la sua natura, quantità, funzioni o quanto reiterato sull'importazione, indichi che si effettua con fini commerciali.

PER TANTO: Nell'esercizio delle facoltà conferite nell'Accordo  No. 2817, del Comitato Esecutivo del Consiglio dei Ministri, del 25 novembre del 1994, nel suo Terzo Paragrafo, numero 4,

Stabisco:

PRIMO: Stabilire il Limite per la determinazione del Carattere Commerciale delle importazioni che realizzano le persone naturali  per qualsiasi  via, e le Note Generali d'interpretazione  per la loro applicazione, che formano parte della presente Risoluzione come Annesso Unico.

SECONDO: L'autorità doganale determina il carattere commerciale delle importazioni realizzate dalle  persone naturali nel caso in cui le quantità  di uno stesso articolo, prodotto o miscellanea, la sua natura, funzione e quanto reiterato sulle importazioni,  indichino che si effettua con fini commerciali.

TERZO: Agli effetti della  presente Risoluzione, s'intende per Importazione Reiterata l'azione  di  ricadere o ripetere l'operazione d'importazione di miscellanea, articoli o prodotti della stessa  natura, secondo il criterio dell'autorità doganale.

QUARTO: L'Annesso Unico che contiene i limiti delle quantità di articoli o prodotti a partire dai quali si determina il carattere commerciale delle  importazioni  realizzate dalle persone, si applica nel caso in cui le quantità di uno stesso articolo o prodotto indicano che si effettuano con fini commerciali.

QUINTO: L'autorità doganale che ha la facoltà, sequestra le quantità che superano il limite stabilito nella presente Risoluzione ed effettua lo spaccio del resto degli  articoli o prodotti, in accordo a quanto stabilito e secondo il metodo stabilito.

SESTO: Quando l'autorità doganale determina che esiste carattere commerciale, considerando la natura, le funzioni o l'importazione reiterata di un prodotto, articolo o miscellanea,  il sequestro si applica alla totalità degli stessi, con eccezione degli effetti personali.

SETTIMO: Le restrizioni e i requisiti per l'importazione degli articoli e dei prodotti stabiliti nei regolamenti speciali  disposti a questi effetti, si applicano senza pregiudizi di quel che si stabilisce   mediante la presente.

OTTAVO: I residenti permanenti che lavorano sulle navi e sugli aerei, che a tenore con quanto  disposto dal titolare del Ministero delle Finanze e Prezzi, possono estendere nelle circostanze  stabilite il limite delle importazioni  al di sopra dei 1 000,00 pesos, si aggiustano alla determinazione del  carattere  commerciale a quanto  stabilito  mediante la presente Risoluzione.

NONO: Nel caso dei  passeggeri, si ammette solo come effetto personale un articolo di ogni tipo, sempre che non si consideri miscellanea, indipendentemente dal fatto che sia stato esportato temporaneamente, in conformità con la legislazione  vigente.

DISPOSIZIONI TRANSITORIE

PRIMA: Gli invii e gli arredamenti delle case arrivati nel paese prima dell'entrata in vigore della presente, si regolano con quanto disposto nella Risoluzione  No. 320, del 5 dicembre del 2011, tale e come  è stata modificata dalla Risoluzione  No. 143, del 13 maggio del 2013, le due dal Capo della Dogana Generale della Repubblica.

SECONDA: Ai bagagli  accompagnati o non accompagnati, si applica la legislazione vigente all' entrata del viaggiatore nel  territorio nazionale.

TERZA: I ricorsi d'appello iniziati prima dell'entrata in vigore della presente  Risoluzione e non ancora terminati, si reggono su quanto disposto nella Risoluzione No. 320, dal Capo della Dogana Generale della Repubblica, del 5 dicembre del 2011.

DISPOSIZIONI FINALI

PRIMA: Derogare la Risoluzione No. 320, del 5  dicembre del 2011, tale e come è stata modificata con la Risoluzione No. 143, del 13 maggio del 2013, le due dal Capo della Dogana Generale della Repubblica.

SECONDA: La presente disposizione entra in vigore a partire dal primo settembre del 2014.

Si PUBBLICHI  nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica di Cuba.

Si ARCHIVI l'originale nella Direzione dei Temi Legali della Dogana Generale della Repubblica.

DATO a L'Avana, al 30 di giugno del 2014.

Pedro Miguel Pérez Betancourt Capo della Dogana Generale della Repubblica.

Continua...

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra Estorino
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir