Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     


CUBA
NuestrA America
ESTERI
SPORT
CULTURA

 

SUPPLEMENTOS

Gabriel García Márquez


“Ci sei o non ci sei?”

Un prologo che è un
nuovo capitolo...


L'America Latina
e i Caraibi hanno unito le voci a L'Avana

 



COMUNICATE
CON I
CINQUE EROI


RIFLESSIONI   FIDEL
- Il dovere d’evitare
una guerra in Corea


Cuba contro
il Blocco

Intriduzione
Capitolo-1 / Capitolo-2
Capitolo-3 / Capitolo-4
Capitolo-3-2 /Capitolo-3-3
Capitolo-3-4



         Capitolo
1 | 2 | 3 |
4 | 5 | 6
7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12
13 | 14 |
15 | 16 | 17
1819 | 20 | 21 | 22

23 | 24 | 25

- PAROLE DI FIDEL 
 

SPECIALI IE GI
-
Conversazioni con
Fidel Castro: I pericoli
di una Guerra Nucleare


• 
Fino alla
   Vittoria Sempre

Sito Web di Ernesto CHE Guevara
di una Guerra Nucleare

A giro di Posta
avuelta@granmai.cip.cu

 

 

S U P P L E M E N T O  s p e c i a l e  A G O S T O  2 0 1 4

   

Dogana Generale  di Cuba

Le nuove Risoluzioni doganali.
Le importazioni non commerciali, le imposte e una spiegazione necessaria

Dogana Generale  di Cuba

Dogana Generale  di Cuba
Importazioni non commerciali, imposte e una spiegazione necessaria

Daylén Vega Muguercia - Yosbel Bullaín Viltres

Sono numerosi i commenti e le inquietudini generate negli ultimi giorni dalle nuove disposizioni del Ministero delle Finanze e Prezzi, che regolano il pagamento delle importazioni di articoli senza carattere commerciale per le persone naturali residenti a Cuba e all'estero, al loro passaggio alla Dogana.

A cosa rispondono le misure? 

In che moneta si  realizzeranno i pagamenti?

Fino a che punto c'è flessibilità? 

Chi riceverà benefici?

Quali articoli sono esentati dal pagamento?

Questi sono alcuni degli interrogativi ricorrenti tra i navigatori della web della rete nazionale che partecipano ai fori.

 Per rispondere a queste domande abbiamo conversato con le autorità doganali, con l'obiettivo di permettere una maggior comprensione delle Risoluzioni No. 17

e 18 del Banco Centrale di Cuba (BCC), della Risoluzione No. 222 e 223 del Ministero delle Finanze e Prezzi, e la Risoluzione No. 122 della Dogana Generale della Repubblica.

Inoltre il ristabilimento del Decreto Legge No. 22. 

Le autorità hanno affermato che queste misure cercano soprattutto di garantire la stabilità, l'agilità e la sicurezza del transito dei passeggeri negli aeroporti cubani.

Importazione ed esportazione di monete

Dal  17 marzo scorso sono state attualizzate le norme che dirigono l'importazione  e l'esportazione di moneta liberamente convertibile per i residente nazionali.  Sino a quel momento i cubani naturali e residenti permanenti, potevano portare con sè alla partenza da Cuba, cento pesos in moneta nazionale (CUP) e duecento in moneta liberamente convertibile (CUC). Era proibita l'uscita di dollari statunitensi (USD) e  solo in alcuni casi, con  autorizzazione precedente del BCC e portando il documento d'accredito, si poteva esportare la moneta statunitense o qualsiasi altra moneta liberamente convertibile.

Secondo le norme giuridiche No. 17 e 18 del BCC, adesso i passeggeri possono portare con sè sino a 5000 dollari statunitensi o il loro equivalente in qualsiasi moneta liberamente convertibile (MLC), e sino a 200 pesos nazionali (CUP), con l'obiettivo di facilitare il pagamento delle imposte sul diritto d'importazione al loro ritorno nell'Isola.

Resta proibita l'esportazione dei CUC.

Nel caso in cui la somma esportata supera la cifra stabilita, il BBC è l'unica entità che ha la facoltà di concedere l'autorizzazione che sancisce la legalità del denaro.

Per questo motivo le autorità della Dogana Generale segnalano che è molto importante che i passeggeri con importazioni superiori a 5000 USD o l'equivalente in MLC, realizzino la Dichiarazione della Dogana, segnalando precedentemente la somma del denaro all'entrata, dato che se alla partenza la somma eccede i cinquemila pesos permessi per concetto d'esportazione, possono dimostrare che portavano questa somma entrando nel paese.

Importazione non commerciale di alimenti

Nel 2008, per via delle perdite economiche provocate dagli uragani fu sospeso temporaneamente e come misura eccezionale, il pagamento delle importazioni degli alimenti, stabiliti come parte della miscellanea nel Decreto Legge No. 22 del 1979 che regola i diritti della Dogana per l'importazione di articoli non commerciali da parte di  passeggeri  nazionali al loro ritorno al paese.

La misura ristabilita lo scorso 18 giugno è stata definita necessaria dalla Dogana Generale della Repubblica, dato che alla loro entrata nel paese i passeggeri portavano quantità esagerate di carichi, il cui maneggio provocava ritardi eccessivi dei visitatori nell' aeroporto, trasformando praticante le installazioni aeroportuali in magazzini. 

"La misura di applicare nuovamente l'imposta sugli alimenti ha come principale obiettivo l'offerta di un servizio migliore nei terminali degli aeroporti. La vecchia  misura aveva favorito l'incremento dei pacchi dei passeggeri, necessario in un certo momento, ma già ora siamo in condizione di riapplicare questi pagamenti, perchè i nostri terminali erano diventati praticamente dei punti di carico. Questo provocava uno sforzo del nostro personale, una maggior manipolazione dei bagagli e ritardi prolungati", ha commentato José Luis Muñoz Toca, a capo della Dogana dell'Aeroporto Internazionale José Martí.

Il dirigente ha segnalato che attualmente il ristabilimento della misura porta come risultato che i viaggiatori vengono con meno bagagli e questo aiuta a rendere più agile il processo nei terminali.

"In questo modo si apprezza un beneficio nel tempo del passaggio dei viaggiatori nei nostri aeroporti e si rispettano le norme internazionali che dicono che la permanenza dei passeggeri non può superare i 45 minuti", ha aggiunto.

Imposte sugli articoli senza carattere commerciale

I commenti pubblicati in vari siti Web della rete nazionale - tra i quali Cubadebate - sulle imposte degli articoli senza carattere commerciale sono stati vari.

Un navigatore  sostiene che un invio di 3 chili che non paga  imposte permette la spedizione di un paio di mutande e due reggiseno, perchè  la carta e il pacchetto si rubano il resto del peso.

Senza dubbio le autorità della Dogana cubana ribattono a questa affermazione sostenendo che la quantità di  indumenti in un pacchetto di 3 KG. varia secondo il tessuto degli indumenti.

La vice direttrice in Tecniche Doganali della Dogana Generale della Repubblica, Carmen Arias Suárez, afferma che stando ad alcune prove realizzate nel Terminal 2 dell'

Aeroporto Internazionale José Martí, 3 chilogrammi possono comprendere, separatamente: 59 slip da uomo, 84 slip da donna, 29 camicette o 16 Vestiti.

Inoltre ha chiarito che il volume permesso per questi oggetti è di un massimo di 48 unità nel caso di indumenti intimi, e  40 per le camicette e i vestiti.

Per completare i 3 Kg. Si possono combinare indistintamente gli articoli  considerati come miscellanea (scarpe, confezioni, alimenti, articoli per l'igiene personale e della casa, bigiotteria, profumeria e similari), considerando il principio delle quantità stabilita dalle norme doganali. 

Con funzionari e specialisti doganali abbiamo constatato che, pesando 48 ferma capelli grandi, 15 mollette, 63 nastri e 8 fermacapelli medi insieme formano una massa di tre chili.

Dal 2 agosto, i naturali residenti nel paese continueranno a  pagare in CUP la prima importazione di ogni anno secondo il calendario compreso dal 1º gennaio al 31  dicembre). Le restante importazioni, come si legge nella Gazzetta Ufficiale, si calcoleranno in CUC e si apporteranno in CUP secondo il tasso di cambio vigente nel paese.

Si mantiene l'entrata libera dal pagamento di 30 Kg.  divisi in 25 Kg. di effetti personali e 5 Kg. di merci per valore massimo  di 50.99 pesos.

Queste risoluzioni, secondo Arias Suárez, non vogliono stabilire differenze, ma uguaglianza di possibilità per i passeggeri con meno entrate.

È una forma per combattere l'uso di questa via non commerciale per il lucro personale.

La Dogana Generale della Repubblica realizza un lavoro intenso per far sì che i cubani e i visitatori stranieri conoscano le disposizioni legali che sono vigenti e i loro diritti.

A Cuba si stanno preparando 200.000 tabloidi con le nuove Risoluzioni.

Continua...

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra Estorino
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir