Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     


CUBA
NuestrA America
ESTERI
SPORT
CULTURA




COMUNICATE
CON I
CINQUE EROI


RIFLESSIONI   FIDEL
- Il dovere d’evitare
una guerra in Corea


Cuba contro
il Blocco

Intriduzione
Capitolo-1 / Capitolo-2
Capitolo-3 / Capitolo-4
Capitolo-3-2 /Capitolo-3-3
Capitolo-3-4



         Capitolo
1 | 2 | 3 |
4 | 5 | 6
7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12
13 | 14 |
15 | 16 | 17
1819 | 20 | 21 | 22

23 | 24 | 25

- PAROLE DI FIDEL 
 

SPECIALI IE GI
-
Conversazioni con
Fidel Castro: I pericoli
di una Guerra Nucleare


• 
Fino alla
   Vittoria Sempre

Sito Web di Ernesto CHE Guevara
di una Guerra Nucleare

A giro di Posta
avuelta@granmai.cip.cu

 

 

E S T E R I

 L'Avana. 5 Novembre 2014

   

La OMS controlla il bilancio dei
morti per l’Ebola

L’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) ha controllato il suo bilancio dei deceduti per il virus dell’Ebola, con un totale di 4951  morti in otto paesi, stimando che alcuni casi contati in Guinea non corrispondono a questa epidemia.

Il bilancio reso noto venerdì 31 ottobre informa di 4951 morti tra i 13.567 casi registrati sino al 29 ottobre.

Il bilancio pubblicato precedentemente mercoledì 29 ottobre,  informava di 13.793 casi  e 4922 morti.

 Cuba guida la battaglia contro l’Ebola in Africa, ha scritto il  The Observer mentre l’occidente vigila la sicurezza delle sue frontiere.

Il numero ufficiale dei morti per l’Ebola in Africa Occidentale era giunto a  4000 alla metà di ottobre anche se gli esperti hanno detto che per le statistiche reali è almeno il doppio e le Nazioni  Unite hanno emesso un chiaro richiamo.

“Gli aiuti umanitari internazionali si dovrebbero incrementare in massa anche di fronte a un semplice calo dell’infezione”, ha detto il Segretario Generale Ban Ki-moon.

“Necessitiamo una mobilitazione di risorse venti volte maggiore”, ha aggiunto. “Necessitiamo  un appoggio almeno venti volte maggiore per l’assistenza, nei laboratori mobili, per i veicoli, gli elicotteri, gli equipaggiamenti di protezione, di personale medico preparato e per le capacità d’evacuazione medica“, ha spiegato.

Ma i grandi attori internazionali o vecchie colonie non si sono gettate in campo. Al loro posto la maggior forza medica internazionale al fronte del combattimento all’Ebola è di una piccola Isola: Cuba che ha inviato centinaia di professionisti della salute nei paesi maggiormente colpiti. In duro contrasto, i governi occidentali appaiono molto più impegnati a bloccare l’epidemia alle loro frontiere che in Africa Occidentale. (AFP / Traduzione GM. Granma Int.)
 

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra Estorino
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir