Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     


CUBA
NuestrA America
ESTERI
SPORT
CULTURA




COMUNICATE
CON I
CINQUE EROI


RIFLESSIONI   FIDEL
- Il dovere d’evitare
una guerra in Corea


Cuba contro
il Blocco

Intriduzione
Capitolo-1 / Capitolo-2
Capitolo-3 / Capitolo-4
Capitolo-3-2 /Capitolo-3-3
Capitolo-3-4



         Capitolo
1 | 2 | 3 |
4 | 5 | 6
7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12
13 | 14 |
15 | 16 | 17
1819 | 20 | 21 | 22

23 | 24 | 25

- PAROLE DI FIDEL 
 

SPECIALI IE GI
-
Conversazioni con
Fidel Castro: I pericoli
di una Guerra Nucleare


• 
Fino alla
   Vittoria Sempre

Sito Web di Ernesto CHE Guevara
di una Guerra Nucleare

A giro di Posta
avuelta@granmai.cip.cu

 

 

E S T E R I

 L'Avana. 30 Ottobre 2014

   

Cuba ha condannato nella  ONU l’ipocrisia in  tema di diritti umani

Cuba ha condannato  nella ONU  l’ipocrisia, la selezione e  la doppia morale in materia di diritti umani, atteggiamenti con i quali alcune potenze impongono i loro interessi geo- strategici a detrimento degli Stati del sud.

“Continuiamo a difendere i principi del rispetto mutuo, la verità, la giustizia, l’universalità, l’imparzialità e la non selettività come unica via per la promozione e la protezione dei diritti umani”, ha affermato il diplomatico Jairo Rodríguez nella Terza Commissione dell’ Assemblea Generale.

Intervenendo in un foro sulla promozione e la protezione dei diritti umani,  il funzionario del MINREX di Cuba ha avvertito che in maniera ricorrente le potenze occidentali ignorano, all’ora di toccare il tema, crimini e abusi sempre impuniti, commessi contro i paesi in via di sviluppo.

Dimenticano le guerre d’aggressione e di conquista, le prigioni e i voli segreti, il sequestro di esseri umani, l’esistenza di campi di concentramento dove si praticano la tortura, le esecuzioni extra giudiziarie con l’uso dei droni e altre violazioni che hanno  fatto rabbrividire il mondo, ha denunciato.

“L’Isola considera importante trattare la questione dei diritti umani in forma trasparente e con totale  rispetto della Carta delle Nazioni Unite”, ha segnalato nella Commissione incaricata dei temi sociali, umanitari e culturali.

“Si deve dare una priorità maggiore e più visibilità alla soluzione dei problemi come la miseria, l’analfabetismo, la mancanza di accesso ai diritti di base come la salute, l’educazione e l’alimentazione,  propri dell’ingiusto ordine economico internazionale e imperante”, ha esposto  ed ha reiterato che Cuba considera il meccanismo dell’Esame Periodico Universale del Consiglio dei Diritti Umani, lo strumento appropriato per trattare le situazioni dei diritti umani in tutti i paesi, senza distinzione nè politicizzazione.

Come esempio della violazione dei diritti  umani ha ricordato il blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli USA a Cuba da più di mezzo secolo.

Martedì 28, l’Assemblea Generale ha domandato con 188 voti su 193, quanti sono i suoi  membri,  la fine dell’assedio  definito criminale, disumano e genocidi.

Nonostante l’approvazione categorica negli ultimi 23 anni delle Risoluzioni  con cui l’Assemblea chiede l’eliminazione del blocco, Washington s’impegna a mantenerlo, indurirlo e giustificarlo (PL / Traduzione GM - Granma Int.)
 

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra Estorino
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir