Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     


CUBA
NuestrA America
ESTERI
SPORT
CULTURA




COMUNICATE
CON I
CINQUE EROI


RIFLESSIONI   FIDEL
- Il dovere d’evitare
una guerra in Corea


Cuba contro
il Blocco

Intriduzione
Capitolo-1 / Capitolo-2
Capitolo-3 / Capitolo-4
Capitolo-3-2 /Capitolo-3-3
Capitolo-3-4



         Capitolo
1 | 2 | 3 |
4 | 5 | 6
7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12
13 | 14 |
15 | 16 | 17
1819 | 20 | 21 | 22

23 | 24 | 25

- PAROLE DI FIDEL 
 

SPECIALI IE GI
-
Conversazioni con
Fidel Castro: I pericoli
di una Guerra Nucleare


• 
Fino alla
   Vittoria Sempre

Sito Web di Ernesto CHE Guevara
di una Guerra Nucleare

A giro di Posta
avuelta@granmai.cip.cu

 

 

E S T E R I

 L'Avana. 23 Ottobre 2014

   

Cuba chiama  la UNESCO a dare priorità agli obiettivi  post 2015

Il rappresentante cubano presso il Consiglio Esecutivo della UNESCO, ha definito encomiabile il lavoro del settore ed ha chiamato a realizzare un’educazione di qualità e apprendistato durante tutta la vita, per il 2030.

Il compito più urgente della UNESCO è concentrare tutte le sue energie contribuendo agli obiettivi di sviluppo sostenibile dopo il2015, ha dichiarato martedì 21 il rappresentante cubano presso il Consiglio Esecutivo, Juan Antonio Fernández.

La UNESCO cerca di stabilire una posizione per i temi di sua competenza nell’agenda che la ONU elaborerà per il periodo successivo al prossimo anno, quando si compirà il periodo per la realizzazione  degli otto obiettivi di sviluppo umano, fissati nel 2000.

Alle porte dei suoi  70 anni d’esistenza, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura è chiamata  a realizzare un contributo Maggiore alla ricerca del dialogo e della pace mondiale, ha affermato ed ha considerato che nei suoi valori e nei suoi mandati ci sono i migliori strumenti per affrontare le nuove sfide.  

“L’educazione è la chiave per vincere l’ignoranza, la scienza è il miglior antidoto contro l’oscurantismo e per la lotta contro le epidemie e i virus  come l’ebola, la cultura è la chiave per comprendere la ricchezza della diversità e apprezzare le meraviglie del patrimonio universale dell’umanità”, ha sostenuto.

Nel suo intervento durante la  195ª sessione del Consiglio Esecutivo, il rappresentante cubano ha fatto riferimento alla crisi che soffre l’organizzazione per il ricatto finanziario degli Stati Uniti, il suo principale contribuente.

“Questo ha impedito alla  UNESCO di realizzare pienamente i suoi obiettivi e programmi provocando nello stesso tempo un deficit significativo nel bilancio”,  ha denunciato.

Il Gruppo dei Paesi dell’America Latina e i Caraibi (Grulac) ha espresso la sua decisione di lottare per impedire che l’organizzazione si debiliti di fronte ai problemi finanziari.

Abbiamo fede nella UNESCO e continueremo fedeli al nostro impegno  di vegliare sul suo rafforzamento in un mondo dove le necessità in educazione, scienze e cultura sono tanto importanti, ha sostenuto il Grulac.

Il Consiglio Esecutivo, formato da  58 paesi, è l’organo d’amministrazione dell’entità e le sue sessioni  continueranno sino al 31 ottobre. (PL/ Traduzione GM- Granma Int.)
 

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra Estorino
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir