Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     


CUBA
NuestrA America
ESTERI
SPORT
CULTURA




COMUNICATE
CON I
CINQUE EROI


RIFLESSIONI   FIDEL
- Il dovere d’evitare
una guerra in Corea


Cuba contro
il Blocco

Intriduzione
Capitolo-1 / Capitolo-2
Capitolo-3 / Capitolo-4
Capitolo-3-2 /Capitolo-3-3
Capitolo-3-4



         Capitolo
1 | 2 | 3 |
4 | 5 | 6
7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12
13 | 14 |
15 | 16 | 17
1819 | 20 | 21 | 22

23 | 24 | 25

- PAROLE DI FIDEL 
 

SPECIALI IE GI
-
Conversazioni con
Fidel Castro: I pericoli
di una Guerra Nucleare


• 
Fino alla
   Vittoria Sempre

Sito Web di Ernesto CHE Guevara
di una Guerra Nucleare

A giro di Posta
avuelta@granmai.cip.cu

 

 

E S T E R I

 L'Avana. 20 Ottobre 2014

   

La OMS ha elogiato il Senegal che ha bloccato la trasmissione del virus dell’Ebola

 Victor M. Carriba

L’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) ha dichiarato  ufficialmente la fine del contagio del virus dell’Ebola in Senegal, ha confermato il sito digitale dei questa  organizzazione internazionale.

La OMS ha elogiato questo paese africano per la sua diligenza per  fermare la trasmissione dell’epidemia e ha detto che la risposta del Senegal è un buon esempio di quello che si deve fare di fronte ad un caso importato della malattia, dovuta al virus dell’Ebola, segnala la nota.  Il 29 agosto era stato registrato un caso importato di un giovane che aveva viaggiato su strada dalla Guinea, dove aveva avuto contatti diretti con un paziente, a Dakar.

La Comunità dei Caraibi (Caricom) ha richiamato nelle Nazioni Unite, dove si è svolto un foro dedicato ad analizzare le alleanze per il progresso, la pace e la fine dei conflitti in Africa, a incrementare l’appoggio internazionale a questo continente di fronte alla sfida di stabilità e sviluppo.

Intervenendo a nome del blocco di 15 paesi nell’Assemblea Generale, l’ambasciatore della Guyana presso la ONU, George Talbot,  ha espresso la solidarietà dei Caraibi con le nazioni africane colpite dall’epidemia di Ebola, e soprattutto Guinea, Liberia e Sierra Leone, dove si riportano  circa 4400 morti e il doppio dei casi. 

Talbot ha detto che non sono meno preoccupanti la malaria, il Vih/ Sida e la presenza di fenomeni come il terrorismo, l’estremismo violento e il crimine transnazionale organizzato.

“L’Africa è vitale per il progresso globale, per cui dobbiamo sottolineare l’importanza di aiutarla partendo dalle priorità indicate dai suoi Stati”, ha detto ancora (Traduzione GM - Granma Int.)
 

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra Estorino
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir