Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     


CUBA
NuestrA America
ESTERI
SPORT
CULTURA




COMUNICATE
CON I
CINQUE EROI


RIFLESSIONI   FIDEL
- Il dovere d’evitare
una guerra in Corea


Cuba contro
il Blocco

Intriduzione
Capitolo-1 / Capitolo-2
Capitolo-3 / Capitolo-4
Capitolo-3-2 /Capitolo-3-3
Capitolo-3-4



         Capitolo
1 | 2 | 3 |
4 | 5 | 6
7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12
13 | 14 |
15 | 16 | 17
1819 | 20 | 21 | 22

23 | 24 | 25

- PAROLE DI FIDEL 
 

SPECIALI IE GI
-
Conversazioni con
Fidel Castro: I pericoli
di una Guerra Nucleare


• 
Fino alla
   Vittoria Sempre

Sito Web di Ernesto CHE Guevara
di una Guerra Nucleare

A giro di Posta
avuelta@granmai.cip.cu

 

 

E S T E R I

 L'Avana. 20 Gennaio 2015

   

La prigione di  Guantánamo provoca il disprezzo internazionale

Lo ha scritto il  New York  Times

Roberto Garcia Hernandez  

Gli Stati Uniti devono chiudere la prigione nella base navale di  Guantánamo, che provoca il disprezzo internazionale, e processare i detenuti in territorio  nordamericano, ha segnalato domenica 18 gennaio un editoriale del quotidiano The New York Times.

La Casa Bianca mantiene dal gennaio del  2002 un centro d’internamento da tempi di guerra in questa installazione militare, ubicata in territorio cubano contro la volontà del Governo e del popolo dell’Isola dei Carabi.

Oltre alle considerazioni morali e strategiche, la chiusura di questo carcere è importante dal punto di vista finanziario, perchè l’esecutivo spende più di tre milioni di dollari annuali per ogni prigioniero, sostiene l’editoriale.

Il giornale aggiunge che la senatrice repubblicana  Kelly Ayotte, ha presentato, martedì  4 gennaio, un progetto di legge contro le intenzioni del presidente Barack Obama di chiudere questo penitenziario e, in forma opportunistica, ha citato il recente massacro avvenuto a Parigi contro il settimanale  Charlie Hebdo, in cui sono morte 17 persone.

La Ayotte pretende di proibire l’uso di qualsiasi fondo del bilancio dei Dipartimento della Difesa o di altre agenzie per costruire o modificare le installazioni penitenziarie negli Stati Uniti, con il fine di rinchiudervi i sospettati di terrorismo.

Secondo il  Times, questa iniziativa fuori luogo non è una sorpresa, perchè la Ayotte abitualmente adotta posizioni estreme in temi di sicurezza nazionale, ma la cosa più frustrante è che il suo collega  John McCain è tra coloro che appoggiano la misura, e questo è un giro di boa, perchè sino ad ora lui favoriva la chiusura della prigione.

L’editoriale ricorda che nel novembre del 2013,  McCain, aveva appoggiato la proposta fallita di far trasferire alcuni prigionieri nel territorio nordamericano e, per appoggiarla, aveva letto una lettera  firmata da 38 ex generali che segnalavano: "Guantánamo è un tradimento ai valori degli Stati Uniti”, e quelle parole oggi sono più vere che mai.

Secondo le statistiche dell’Ufficio del direttore nazionale d’intelligenza, solo sei degli 88 prigionieri liberati dal gennaio del 2009 sono ritornati ai gruppi estremisti e si sospetta di un altro che forse lo ha fatto, ma l’informazione non è confermata.

La Casa Bianca è riuscita negli anni recenti a trasferire alcuni prigionieri ad altri paesi- una trentina di loro sono stati trasferiti nel 2014 - e a ridurre la popolazione penale a 122, da un totale di 780 passati di lì dall’inaugurazione.

L’ex inviato speciale del Dipartimento di Stato per la chiusura della prigione, Cliff Sloan, ha segnalato di recente in un articolo nel  The New York Times, che le ragioni per chiuderla sono ora più forti che mai e che la Casa Bianca deve accelerare i trasferimenti dei detenuti. (Traduzione GM - Granma Int.)
 

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra Estorino
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir