Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     


CUBA
NuestrA America
ESTERI
SPORT
CULTURA




COMUNICATE
CON I
CINQUE EROI


RIFLESSIONI   FIDEL
- Il dovere d’evitare
una guerra in Corea


Cuba contro
il Blocco

Intriduzione
Capitolo-1 / Capitolo-2
Capitolo-3 / Capitolo-4
Capitolo-3-2 /Capitolo-3-3
Capitolo-3-4



         Capitolo
1 | 2 | 3 |
4 | 5 | 6
7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12
13 | 14 |
15 | 16 | 17
1819 | 20 | 21 | 22

23 | 24 | 25

- PAROLE DI FIDEL 
 

SPECIALI IE GI
-
Conversazioni con
Fidel Castro: I pericoli
di una Guerra Nucleare


• 
Fino alla
   Vittoria Sempre

Sito Web di Ernesto CHE Guevara
di una Guerra Nucleare

A giro di Posta
avuelta@granmai.cip.cu

 

 

E S T E R I

 L'Avana. 18 Novembre 2014

   

Cuba chiama  nella ONU a dare un appoggio sostenibile all’Africa

Waldo Mendiluza

Cuba ha sostenuto nell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite che oltre agli aiuti per affrontare l’epidemia di Ebola, l’Africa deve contare su un sistematico appoggio al suo sviluppo.

“È obbligatorio agire contro l’Ebola, ma è ugualmente necessario destinare in maniera costante e prevedibile le risorse umane, i materiali e le finanze per realizzare lo sviluppo del continente africano”, ha affermato nell’Assemblea Generale l’ambasciatore cubano preso la  ONU, Rodolfo Reyes.

In una riunione dell’Assemblea dedicata ad attualizzare i 193 Stati membri sulla situazione dell’ebola il diplomatico ha precisato che Cuba si sente unita da indelebili vincoli  al destino di questo continente.

La solidarietà ha sempre caratterizzato le nostra relazione da 55 anni, con più di 76.00 collaboratori cubani che hanno prestato i loro servizi in 39 paesi africani”, ha detto nella sessione, nella quale hanno parlato l’inviato speciale della ONU per l’Ebola, David Nabarro, e il capo della Missione per la Risposta d’Emergenza all’Ebola (Unmeer), Anthony Banbury.

“Lo stesso spirito di solidarietà espresso per decenni, stimola gli aiuti dell’Isola in  Sierra Leone, Liberia e Guinea, le nazioni colpite dall’epidemia virale  responsabile della morte di 5200 persone e di 14.000 casi, con il 60% confermato in laboratorio.

Cuba ha inviato tre brigate in questi tre Stati, composte da 256 professionisti del  Contingente Internazionale di Medici Specializzati nell’Affrontare Disastri e grandi  Epidemie, Henry Reeve”, ha sottolineato ancora Reyes.

L’ambasciatore ha aggiunto che oltre che rispondere alla richiesta di aiuti lanciata dalla ONU di fronte all’epidemia, le migliaia di cooperatori cubani della salute che operano in 32 paesi dell’Africa si sono  uniti  dai loro posti di lavoro al compito di prevenzione contro l’Ebola.

Reyes ha definito l’epidemia “un problema globale per la cui soluzione si devono unire gli sforzi di tutte le nazioni, ricche  e povere e che soprattutto si tratta si un imperativo morale, ha terminato
( Traduzione GM - Granma Int.)
 

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra Estorino
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir