Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     


CUBA
NuestrA America
ESTERI
SPORT
CULTURA




COMUNICATE
CON I
CINQUE EROI


RIFLESSIONI   FIDEL
- Il dovere d’evitare
una guerra in Corea


Cuba contro
il Blocco

Intriduzione
Capitolo-1 / Capitolo-2
Capitolo-3 / Capitolo-4
Capitolo-3-2 /Capitolo-3-3
Capitolo-3-4



         Capitolo
1 | 2 | 3 |
4 | 5 | 6
7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12
13 | 14 |
15 | 16 | 17
1819 | 20 | 21 | 22

23 | 24 | 25

- PAROLE DI FIDEL 
 

SPECIALI IE GI
-
Conversazioni con
Fidel Castro: I pericoli
di una Guerra Nucleare


• 
Fino alla
   Vittoria Sempre

Sito Web di Ernesto CHE Guevara
di una Guerra Nucleare

A giro di Posta
avuelta@granmai.cip.cu

 

 

E S T E R I

 L'Avana. 15 Ottobre 2014

   

Italia: processo contro i repressori in America Latina

La giustizia italiana inizierà nel febbraio del  2015  a Roma il primo processo contro 20 repressori di Bolivia, Cile, Perù e Uruguay, coinvolti nella morte di   23 cittadini italiani nell’ambito del detto Piano Condor,  accordato dalle dittature militari di questi paesi negli anni  70 e 80, hanno informato le fonti giudiziarie.

Il giudice  Alessandro Arturi, che da un anno istruisce il processo ha ordinato di processare i 20 membri della giunta militare e dei servizi di sicurezza di questi quattro paesi per il sequestro e l’assassinio di 23 cittadini d’origine italiana.

Questo è il primo processo in Europa per l’Operazione Condor, il  dispositivo per coordinare la repressione delle dittature sudamericane negli anni  ‘70 e ’80, che permise di detenere, scambiare e far sparire migliaia di oppositori ai regimi militari.

Nella lista degli accusati ci sono il generale cileno Juan Manuel Guillermo Contreras, l’ex ministro degli Interni boliviano Luis Arce Gómez e l’ ex presidente peruviano Francisco Morales Bermúdez.

Gli accusati  (un boliviano, 11 cileni dei quali tre sono agli arresti,  quattro peruviani, quattro uruguaiani), le cui età oscillano tra i 70 e i 92 anni, sono stati accusati dalla giustizia italiana di sequestro di persona  e omicidio multiple aggravato.

La lista arginale includeva anche tre che sono già morti, tra i quali l’ex dittatore uruguaiano Juan María Bordaberry, deceduto nel 2011.

La procura italiana ha aperto le investigazioni sulla strategia applicata dai regimi militari del Cono Sud, per le denunce presentate dai familiari degli italiani scomparsi.

Gli imputati saranno giudicati in assenza.

Lo Stato italiano e quello dell’Uruguay si sono costituti parti civili  nel processo. Grazie al Piano Condor le dittature sudamericane  chiedevano ad altre la cattura e in alcuni casi l’eliminazione o l’estradizione dei sequestrati, sempre al di fuori dei parametri della legge. 

In molti casi i militari dei  paesi partecipavano insieme agli operativi e alle torture. (AFP/ Traduzione GM - Granma Int.)
 

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra Estorino
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir