Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     


CUBA
NuestrA America
ESTERI
SPORT
CULTURA




COMUNICATE
CON I
CINQUE EROI


RIFLESSIONI   FIDEL
- Il dovere d’evitare
una guerra in Corea


Cuba contro
il Blocco

Intriduzione
Capitolo-1 / Capitolo-2
Capitolo-3 / Capitolo-4
Capitolo-3-2 /Capitolo-3-3
Capitolo-3-4



         Capitolo
1 | 2 | 3 |
4 | 5 | 6
7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12
13 | 14 |
15 | 16 | 17
1819 | 20 | 21 | 22

23 | 24 | 25

- PAROLE DI FIDEL 
 

SPECIALI IE GI
-
Conversazioni con
Fidel Castro: I pericoli
di una Guerra Nucleare


• 
Fino alla
   Vittoria Sempre

Sito Web di Ernesto CHE Guevara
di una Guerra Nucleare

A giro di Posta
avuelta@granmai.cip.cu

 

 

E S T E R I

 L'Avana. 10 Novembre 2014

   

La CIA creerà succursali di Guantánamo in Ucraina

La CIA pianifica di creare in Ucraina prigioni come quella di Guantánamo per imprigionare i terroristi dello Stato Islamico.  Inoltre Kiev le userà per imprigionare i detenuti a Donbass, informa Kriminform,  riferendo le sue fonti.

Nel corso dei negoziati d’alto livello che si sono svolti in agosto e in ottobre, Kiev e Washington hanno accordato che la parte statunitense finanzierà come debito a lungo tempo attività  per rinforzare la difesa dell’Ucraina.

In cambio dell’appoggio finanziario Kiev si è impegnata ad installare nel suo territorio varie prigioni segrete per i combattenti dello Stato Islamico, ha informato l’agenzia Kriminform.

La necessità di creare centri di reclusione speciali è sorta dopo la chiusura delle prigioni  segrete dell CIA situate nell’est dell’Europa.

Per via del  conflitto armato in Iraq e in Siria, gli USA mancano di centri speciali per detenere illimitatamente ed in modo extra giudiziario gli  yihadisti e coloro che si oppongono all’alleanza antiterrorista.

Nelle prigioni ci saranno individui senza cittadinanza dell’Ucraina, sospettati d’aver partecipato all’auto difesa di Donbass, con altre persone non favorite da Kiev.

Le prigioni probabilmente si ubicheranno nelle prigioni del centro e dell’ovest del paese, dove attualmente sono rinchiusi i prigionieri del conflitto di Donbass in attesa di uno scambio con militari  dell’Ucraina.

Per minimizzare le possibilità che si filtrino informazioni confidenziali, i detenuti vivranno in celle isolate e sotto video-vigilanza e in questo modo sarà possibile trattenere le persone senza presentare accuse formali.

L’Ucraina è disposta a ricevere sino a 150 detenuti, ma la cifra potrà crescere, ha informato Kriminform (Russia Today / Traduzione GM– Granma Int.)
 

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra Estorino
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir