Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     

C U L T U R A

  L'Avana. 6 Novembre 2014

   

Immagini del Che nel cuore di Harlem
• Proiettato un documentario del cubano  Jorge Fuentes in un forum a New York, dedicato alla cultura congolese

Pedro de la Hoz

La proiezione del  documentario “Tatu, Che nel Congo”, del regista cubano Jorge Fuentes, è stata nel mese di ottobre appena terminato, il momento più importate del “Festival Congo in Harlem 6, con il quale la comunità della città promuove nel suo seno i valori della cultura del paese africano.

Filmato nel 1997  e realizzato in coproduzione tra Cuba (Mundo Latino) e il Belgio (RegardsCroisses Fil­ms), il documentario narra l’esperienza degli internazionalisti cubani, che a metà del decennio degli anni ’60, guidati dal Comandante Che Guevara andarono in quella colonia belga per addestrare la guerriglia locale che affrontava un regime dispotico sostenuto dagli Stati Uniti e da forze mercenarie, dopo l’assassinio dell’Eroe dell’indipendenza, Patricio Lumumba.

Il titolo del filmato si spiega per lo pseudonimo scelto dal Che per l’occasione, Tatu, che in swahili  significa il numero tre.

Fuentes si è basato nel diario in cui il leader rivoluzionario aveva annotato tutti i fatti dell’ incursione in Congo, dalla partenza dalla Tanzania, al ritorno traumatico in questo territorio dal lago Tanganica, ed ha anche registrato le testimonianze di cubani e congolesi che hanno condiviso quelle giornate con il capo guerrigliero.

Prima della presentazione, Maurice Carney, direttore del festival, ha risaltato la carriera  artistica di Jorge Fuentes e il suo interesse di porre in rilievo la vocazione internazionalista e solidale del popolo cubano. Un esempio eloquente è la serie “Cabinda”.

Ha completato il programma la proiezione di  “Freddy Ilanga, il traduttore di swahili del Che”, dell’antropologa nordamericana Katrin Hansing, che riflette la storia dell’ incorporazione del giovane congolese di 15 anni nella guerriglia, la sua formazione professionale, il suo lavoro successivo in Cuba e l’incontro con la sua famiglia in Africa 40 anni dopo. (Traduzione GM - Granma Int.)
 

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir