Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     

C U L T U R A

  L'Avana. 1 Ottobre 2014

   

La Fondazione Fernando Ortiz ha premiato l’antropologo statunitense Richard Price

Il premio è andato al prestigioso investigatore, tra le varie ragioni, per il suo importante contributo al primo concetto dello schiavo cimarrón e la formazione di comunità.

 Madeleine Sautié  - Foto: Abel Rojas

Il noto antropologo e storiografo statunitense Richard Price ha ricevuto nella sala Villena della UNEAC il Premio Internazionale Fernando Ortiz, assegnato dalla Fondazione che porta il nome di questo insigne savio cubano.

Il premio è andato al prestigioso investigatore, tra le varie ragioni, per il suo importante contributo al primo concetto dello schiavo cimarrón e la formazione di comunità,  comuni in  diversi spazi coloniali del continente americano, a partire da studi comparativi, com’è stato detto nel documento letto dal dottor Jesús Guanche, investigatore del centro.

Il documento segnala anche, come risultato investigativo dell’intellettuale, “la dimostrazione che le perosne precedentemente considerate ‘senza storia’ —come i Saamaka Maroons del Suriname, discendenti di schiavi fuggitivi— possiedono una conoscenza storica amplia  e profonda che conseguentemente influito nella visione  e l’interpretazione più autentica di storiografi e antropologi.

Miguel Barnet, membro del Comitato Centrale del Partito e presidente della la UNEAC e della Fondazione Fernando Ortiz, ha consegnato il diploma  e il Adyá, che accompagna il riconoscimento ed ha dichiarato che  questo merito accresce la figura di Ortiz.

Nancy Morejón, presidentessa dell’Accademia Cubana della Lingua, ha offerto dei fiori a Sally, la moglie  di Price, che ha lavorato instancabilmente al suo fianco e alla quale  Barnet ha esteso il premio. 

La dottoressa María del Carmen Barcia, ha pronunciato delle parole d’elogio ed ha segnalato il lavoro battagliero di questa figura  paradigma nella sua investigazione delle  culture subalterne.

“Per me è un grande onore ricevere il premio Fernando Ortiz”, ha detto Price, ed ha  ricordtao quando nel  1965, visitando la casa di un suo professore, ascoltò per la prima volta il  nome di don Fernando. In quell’occasione portò a casa un gruppo di libri da leggere dell’autore cubano, tra i quali “Los negros brujos”,  “Contrapunteo cubano del tabaco y del azúcar.

“ Che grande scoperta per me! Quei  libri contribuirono molto ad animare la mia vocazione!”, ha detto ancora. ( Traduzione GM - Granma Int.) 
 

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir