Prigionieri Politici dell'Impero| MIAMI 5  

     

C U L T U R A

  L'Avana. 11 Novembre 2014

   

Attività alla casa della Memoria di Rosario

“Nunca mas el silencio”.

Care socie e soci, amiche e amici di Cuba e del Circolo Italia Cuba di Venezia, vi inviamo copia del riconoscimento ricevuto per l'attività che il  nostro Circolo ha organizzato alla Casa di Memoria di Rosario, con la presentazione del libro: “Desaparecidos. Margini di una ferita” di  Haydèe Copolechio e Raffaella Borghi e la condivisione di altre attività della Casa della Memoria.

La Casa della Memoria di Rosario è un luogo altamente simbolico per quanto riguarda la lotta per i diritti umani.

Abitato Maria da Esther y Emilio Etelvino, una coppia di non vedenti montoneros, desaparecidos per il terrorismo di Stato nel 1977, è stato riscattato dai compagni di Rosario come un luogo di lotta internazionalista, frequentata da giovani e giovanissime generazioni

Quest'anno si è festeggiato il ventennale della Fondazione della "Casita" alla cui organizzazione anche il nostro Circolo ha dato un suo contributo.

L'Argentina continua a volere Giustizia, Verità e Memoria.

 Questo lavoro, che avviene attraverso molte forme, sopratutto  giudiziarie,  rappresenta una occasione, non mancata, di fondare un popolo e una nazione su una posizione etica perché si stabiliscono nettamente  i confini tra coloro che hanno avuto una responsabilità nella ancora recente dittatura, e chi ne è stato vittima. Riuscendo, anche attraverso l'opera della Madri della Plaza de Mayo, a cancellare leggi che vogliono negare le responsabilità oltre che dei militari anche dei civili che hanno taciuto. Attualmente ci sono molti processi ai civili.

NUNCA MAS EL SILENZIO ha detto Vera Vigevani Jarach, una delle madri de la Plaza de Mayo, nella sua recente visita a Venezia e a Roma. Vera, il cui nonno è morto a Ausswitz e la figlia, Franca è desaparecidas a 18 anni a Buenos Aires,  l'ha detto anche nel suo incontro con il Papa, invitandolo a scrivere una enciclica. NUNCA MAS EL SILENCIO.

Parole piene di senso che ci implicano tutte e tutti a prendere la parola e a compiere atti, in un momento storico molto pesante, in cui il capitalismo ha mostrato che cosa è sempre stato al fondo della sua dottrina,  ovvero il modo perverso con cui persegue "il guadagno" attraverso la violenza organizzata, creando luoghi di conflitto o attraverso le organizzazioni economiche che si travestono da organizzazioni politiche per compiere  Delitti contro la Città e il diritto alla vita. 

Anche la Città  di Venezia, ( il Veneto e i suoi abitanti), è vittima di questi delitti.

Essere riconosciuti tra le "organizaciones y luchadores populares por la Solidaridad y la Yusticia" da un luogo così significativo come la Casa della Memoria di Rosario, che è  innanzi tutto la città natale  di Ernesto Che Guevara, non può che farci piacere e aiutarci a continuare il nostro impegno di rifiuto del Silenzio.

Fraterni saluti, Giuliana Grando per il Comitato Direttivo del Circolo Italia Cuba di Venezia "Vittorio Tommasi".
 

STAMPARE QUESTO MATERIALE


Direttore Generale: Pelayo Terry Cuervo / Direttore Editoriale: Gustavo Becerra
Granma Internacional Digital: http://www.granma.cu/
E-mail informacion@granmai.cip.cu

Spagnolo | Inglese | Francese | Portoghese | Tedesco
© Copyright. 1996-2013. Tutti i Diritti Riservati. Granma Internazionale / Digitale. Repubblica di Cuba

Subir